Vivere al nido

Cosa fanno i bambini al nido?

Le routine

Buona parte del tempo trascorso al nido sarà dedicato ai piccoli gesti della vita quotidiana: salutare, mangiare, riposare, curare la propria igiene ecc…

Sebbene tali attività possono sembrare ovvie, semplici e poco pertinenti con il progetto educativo è proprio attraverso queste che il bambino impara a orientarsi nel tempo e nello spazio, misura le proprie forze e i pericoli della realtà acquistando sicurezza e fiducia nel mondo. La lingua inglese è inserita nella quotidianità del nido senza forzature o “lezioni frontali”, ma in modo naturale e creativo rispettando la crescita individuale dei bambini.

La valorizzazione della dimensione ludica è la caratteristica principale della metodologia da noi usata per perseguire gli obiettivi educativi.
Giocare è molto più che fare un’attività, usare un giocattolo o passare il tempo.
Giocare significa esplorare possibilità, sperimentare regole, sintonizzare interazioni ….
E’ un modo di porsi di fronte al reale, uno stile libero e attivo, curioso e creativo di mettere alla prova il mondo e se stessi.
All’interno del nostro Nido ogni gioco è dunque pensato e scelto con cura, anche se all’osservatore esterno e al bambino potrà sembrare spontaneamente improvvisato.

Le attività

Nonostante le routine, la progettazione educativa prevede ogni giorno alcuni momenti particolari;
Si tratta di momenti di gioco pensati, preparati dalle educatrici seguendo alcuni criteri:

  • Varietà: durante l’anno vengono proposte attività con materiali e obiettivi diversificati
  • Congruenza all’età’ e progressione
  • Regolarità: i giochi vengono proposti in determinati momenti della giornata
  • Interattività: i giochi mirano a facilitare gli scambi comunicativi e le interazioni tra pari.
  • Alternanza gioco libero-guidato

Sebbene tutte le proposte coinvolgano complessivamente tutte le dimensioni dello sviluppo le attività possono essere distinte in:

  • Attività Motorie rivolte allo sviluppo delle abilità motorie e al coordinamento utili per favorire l’autonomia motoria, il controllo dello spazio e l’equilibrio
  • Attività’ di manipolazione e trasformazione di materiali
  • Attività’ euristiche attraverso giochi di scoperta
  • Attività’ espressive linguistiche volte alla valorizzazione delle emozioni e alla proposta di linguaggi come strumento di mediazione e incontro
  • Durante l’anno verranno organizzate feste a tema e gite con la partecipazione di genitori, nonni, parenti.